Viaggio in Birmania: l’epilogo!

Tramonto birmania
Facebooktwittergoogle_pluspinterest

From Bangkok to the beach

Dopo due settimane immersi nel verde senza tempo del Myanmar torniamo alla più civilizzata – almeno apparentemente – Thailandia.

I lunghi corsi d’acqua, fiumi canali e laghi, mossi solo dagli scrosci improvvisi, lasciano il posto alle paradisiache spiagge della costa thai.

Ci muoviamo dall’aeroporto di Bangkok verso Pattaya, quindi traghetto fino all’isola di Koh Larn.

birmania in barcaL’atmosfera mistica creatasi all’ombra delle stupe, camminando a piedi nudi al cospetto di Buddha, svapora come le nuvole intorno al Golden Rock e si fa sentire sempre più il desiderio di leggerezza e divertissement.

Il viaggio volge al termine e si trasforma, nella sua fase conclusiva, in vacanza.

 arrivo all'isola

Koh Larn days

 Koh Larn, da quanto abbiamo potuto capire, non è una delle isole più frequentate della Thailandia, almeno non ad agosto forse.

Siamo in bassa stagione e in giro ci sono solo locali e pochi turisti russi. Alle 17 chiude tutto, o quasi.

L’impatto con la gente qui è molto negativo. Ci sono evidenti difficoltà di comunicazione, l’inglese non è parlato – cosa piuttosto inaspettata per un paese che da decenni è meta di massiccio turismo occidentale.

Inoltre, le possibilità di connettersi al web sono infinitesimamente piccole.

l'isola Koh Larn

La Birmania al contrario ci ha sorpreso per la sua modernità: nonostante si sia approcciata al turismo solo da pochi anni e viva in condizioni di evidente arretratezza – l’agricoltura non è ancora meccanizzata, per intenderci – ha una popolazione aperta e comunicativa, curiosa nei confronti del diverso e pronta al cambiamento.

In 5 alberghi su 6 abbiamo trovato l’accesso gratuito al wi-fi.

Koh Larn noi spiaggia

Su quest’isola la sensazione di scherno o comunque di totale disinteresse – anche puramente commerciale – verso il turista è spiazzante.

Decidiamo di goderci il mare e il sole senza preoccupazioni, ci ricarichiamo prima del lungo viaggio di ritorno.

 Koh Larn tramonto isola

Back home

Lasciamo l’isola – di lostiana memoria – e ripercorriamo il percorso a ritroso.

Koh Larn sul traghetto

Con l’intenzione di visitare ancora un po’ Bangkok prima del volo, all’una di notte dell’indomani, partiamo al mattino in cinque, gli altri ci raggiungeranno dopo.

Bankok dai gatti che saltano

Depositiamo i bagagli in aeroporto e ci muoviamo leggeri e veloci in metro, nella parte più moderna della città.

Ci facciamo sopraffare dalla nostra occidentalità facendo il pieno di shopping, fast-food e caffè Starbucks, prima di andare ad imbarcarci definitivamente.

Circa 24 ore dopo (comprese quelle di fuso), sfatti ma felici, siamo a casa.

noi a bangkok

Continuo a sfogliare le immagini, ancora dopo mesi e probabilmente lo farò fino al prossimo viaggio, ma cerco di ricordare – come ci ha scritto la nostra guida – che “la bellezza non è una forma o un colore, essa è negli occhi”.

Mingelalbar, Myanmar.

Valentina

Valentina

Viaggiatrice e newly expat in cerca di un posto nel mondo.
Un po' veneta, un po' terruncella, nel 2015 sono partita da Padova con biglietto solo andata. Ho vissuto a Londra e ora mi trovo a Dublino.
Valentina

Latest posts by Valentina (see all)

Facebooktwittergoogle_pluspinterest
Valentina

Autore: Valentina

Viaggiatrice e newly expat in cerca di un posto nel mondo. Un po' veneta, un po' terruncella, nel 2015 sono partita da Padova con biglietto solo andata. Ho vissuto a Londra e ora mi trovo a Dublino.

5 pensieri riguardo “Viaggio in Birmania: l’epilogo!”

  1. Cosa sentono le mie orecchie!! Ti legheremo ad una sedia e ti obbligheremo a una full immersione di tutte le 6 serie 😛

  2. Ciao, grazie per aver pubblicato il bel racconto del tuo viaggio! ad agosto io e mio marito vorremmo andare in Birmania e poi qualche giorno in un isola della Th, proprio come voi 🙂 e stiamo cercando di capirne di più. Innanzitutto vedo se ti arriva questo messaggio, poi avrei un po’ di domande da porti.
    Per ora ti chiedo solamente, come avete raggiunto Pattaya, quanti giorni siete rimasti a Koh Lann, com’era il tempo e se il mare era caldo.
    Nel 2011 abbiamo fatto Malesia, Perhentian e Singapore ed è stato magnifico.
    Ciao e grazie!
    Rosamarì

    1. Ciao Rosamarì! Grazie mille! Vedrai, vi aspetta un’emozione dopo l’altra in Myanmar.
      Per quanto riguarda le tue domande: eravamo un bel gruppone, quindi da Bangkok a Pattaya avevamo noleggiato un pulmino, più conveniente per noi. Ci sono taxi (costosi ovviamente), noleggio auto (ma considera che il traffico è “intenso”) e autobus pubblici o privati (es. Belle Travel).
      Siamo rimasti a Koh Larn circa 2/3 giorni e il tempo è stato ottimo, caldo e non umido, e l’acqua gradevolissima. I tramonti sono stati indimenticabili!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *