Estate in Grecia? Provate il Peloponneso! (terza parte)

Facebooktwitterpinterest

Arriviamo per sera a Pylos, nella parte più occidentale del Peloponneso, devo dire che è proprio una bella città con un importante porto sul mare con testimonianze storiche di un passato glorioso..

Anche qui troviamo delle splendide spiagge che ci confermano l’idea idilliaca iniziale che avevamo per la nostra estate in Grecia, e ci fa capire il perché avessero ispirato molti poeti..

 Pylos e le sue rovine

Alla ricerca della spiaggia perduta

Ci mettiamo in testa di cercare la spiaggia di Voudokilia, una spiaggia a forma di OMEGA, abbiamo girato un sacco per trovarla, ma alla fine siamo riusciti!

 Mare greco

…non vorrei rovinarvi la sorpresa ma qui le aspettative superavano la realtà, dal vivo non è poi questo granché, vale la pena solo per il ricordo fotografico!

Qui consumiamo il tempo a nostra disposizione e restiamo fino all’ultimo giorno, per goderci al massimo questo nostre vacanze greche.

La strada da Pylos a Patrasso sembra interminabile, non so se sia stato per il caldo davvero impegnativo, o perché in cuor nostro non eravamo poi così contenti di tornare a casa e concludere la nostra esperienza d’estate in Grecia…

 Tramonto Peloponneso

Un traghetto “movimentato

Il ritorno in traghetto con il solo passaggio ponte è stata una vera e propria avventura che necessità di essere spiegata bene…

 A Patrasso il traghetto era praticamente mezzo vuoto, il che pensavamo fosse uno vero spasso, ma a Igoumenitsa siamo incappati nell’esodo turco, una vera e propria “transumanza” di turchi trasferiti in europa che tornavano dalle vacanze estive in Turchia..!!

Gente a fiumi, con in mano un cuscino, un sacchetto di plastica con dentro uno spazzolino, un peperone e un pezzo di pane..un vero fiume umano, sembrava non terminasse mai la loro salita a bordo…

Prendiamo posto nel corridoio centrale per accaparrarci un angolino nel posto “meno peggio”, ma il continuo salire della gente ci ha incastrato come pezzi di tetris l’un l’altro..!

La nottata é passata lenta e il riposo non si può definire ristoratore, ma ci è servito di lezione: vuoi prendere il traghetto per la Grecia? Esclusivamente prendi la cabina, o sarà un martirio…parola di lupetto!

La strada di rientro a casa, autostrada Ancona-Padova, è stata pesante perché viaggiare nelle ore più calde è stato mooooolto impegnativo, costringendoci a frequenti soste per “rinfrescarci”..

Che dire, traghetto a parte, questa Estate in Grecia, ci è proprio piaciuta!!

Ivan
Seguimi su:
Latest posts by Ivan (see all)
Facebooktwitterpinterest
Ivan

Ivan

Ultimamente mi sono reso conto che non posso fare a meno di viaggiare, ho bisogno dell’adrenalina dello scoprire posti nuovi, di respirare aria di luoghi lontani di osservare orizzonti per me inesplorati..senza mi manca proprio l’aria! Seguitemi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *