Oxford Calling

Facebooktwitterpinterest

Vorrei debuttare, come blogger su Avventure&Viaggi, parlandovi della mia esperienza in una città europea che conserva il fascino di un luogo rimasto fermo nel tempo al Basso Medioevo, nonostante abbia tutte le caratteristiche della modernità: Oxford.

Fino a qualche mese fa il nome di Oxford rievocava, nella mia mente, soltanto antichi collegi universitari e il nome della casa editrice dei miei libri scolastici in inglese.

Attrazione magnetica

Grazie all’opportunità ricevuta di accompagnare un gruppo di ragazzi in vacanza studio presso uno dei tanti centri linguistici presenti in città,  ho potuto immergermi nell’atmosfera incantata di questa città che, tra le mura dei suoi sontuosi collegi, nel verde dei suoi tranquilli parchi, nelle antiche librerie, ha ispirato scrittori come L. Carroll, J.R.R. Tolkien e C.S. Lewis ed è stata città di studio di personaggi come Oscar Wilde, Indira Ghandi e Margaret Thatcher

St Mary's the virginLa città delle “dreaming spires” è un centro di circa 150.000 abitanti ad un’ora e mezza di pullman da Londra.

oxford altoSe volete avere fin da subito uno sguardo d’insieme sulla città non potete prescindere, allora, da una salita alla torre della St Mary the Virgin church: dall’alto potete facilmente capire perché Oxford sia la città delle sognanti guglie. 

oxford dall'altoSituata tra il fiume Tamigi e il Cherwell, lungo le rive dei quali è piacevole passeggiare, magari fermandosi in uno dei tanti romantici pubs, come quelli in prossimità del Folly bridge, la città è nota per la sua prestigiosa università, la cui fondazione sembra risalire al 1167, in seguito ad una disputa tra re d’Inghilterra e il re di Francia.

tamigiBen più di “Un Università”

È difficile usare al singolare il termine Università, dato che passeggiare ad Oxford significa imbattersi nelle mura, sbirciare dentro i portoni, intrufolarsi nei parchi di ben 38 colleges

Christ churchOxford è la meta ideale per un soggiorno lungo, se il vostro obiettivo è imparare l’inglese o fare un’importante esperienza universitaria, ma anche se siete di passaggio in Inghilterra vale la pena fermarsi qui per un rilassante weekend immersi in un’atmosfera magica. 

Christ church (3)Non a caso, infatti, in uno dei suoi prestigiosi college, il Christ Church, fondato nel 1524, sono state girate alcune scene del film Harry Potter, e proprio qui Lewis Carroll, prima come studente e poi come docente di matematica, si ispirò ad Alice Liddell, la figlia del preside di facoltà, per creare il suo Alice’s adventures in Wonderland.

alice's bookshopMa i segni della letteratura e della magia si possono ritrovare anche in famosi pubs come The Eagle and the Child public house o The Bird and the Baby, noti luoghi di ritrovo e di discussione per CS Lewis, autore delle Cronache di Narnia e per JRR Tolkien, autore del Signore degli anelli.

Una vera “mecca” per gli amanti del fantasy…

Cosa non vi dovete far mancare

All Saints collegesSe volete continuare ad immergervi nell’atmosfera silenziosa ed intellettuale dei colleges, meritano una visita l’imponente e maestoso Magdalene college, con il più grande giardino da cui poter  guardare, divertendovi, adulti e giovani che si sfidano in gare di destrezza con il celebre Punting on the river, e l’insolito Keble college, che si differenzia da tutti gli altri per i suoi particolari mattoni rossi.

Non a caso è stato il primo college aperto agli studenti più poveri.

Magdalene collegeSe vi capita di entrare nella sua grande cappella e di sentire le prove di un concerto d’organo, l’emozione è assicurata!

Per rendersi conto della ricchezza culturale di Oxford è necessario visitare l’Ashmolean museum, in Beaumont street, con una ricca collezione che spazia dall’antico Egitto all’età contemporanea.

museumTuttavia il cuore antico della città, quello che più affascina, si trova tra Broad Street, Turl Street, Catte Street.

Se siete fortunati e visitate Oxford in una soleggiata giornata estiva, il color ocra della pietra vi avvolgerà e non potrete non sentirvi anche voi parte della storia universitaria della città.

Da  vedere la Radcliffe Camera, imponente sala di lettura circolare riservata agli universitari, e da visitare lo Sheldonian theatre, luogo dove avvengono le cerimonie di immatricolazione e di laurea, ma soprattutto la Bodleian library: la Divinity room e la Duke Humfrey’s library non si possono perdere….qui ci si immerge nel gotico inglese e in una biblioteca che conserva la copia di ogni libro pubblicato in Inghilterra.

Sheldonian theatre (2)Magari anche voi sarete fortunati e trovate la guida che ho incontrato io, un salto indietro di quattro secoli è assicurato! 

Se siete stanchi di storia e amate la natura, basta lasciare Broad Street e imboccare Park Road  ed immergersi nella quiete dell’Oxford University Park…vera oasi di verde dove rilassarsi, praticare sport all’aperto, fare un picnic o godersi un delizioso smoothie alla frutta! 

bookshop (2)Quando avete voglia di riprendere la vostra passeggiata nel centro città, potete scoprire il grazioso e appartato Covered Market, o potete immergervi nell’eccitante vita di Cornmarket street, la via dello shopping cittadino, sempre affollata di turisti, studenti, artisti di strada.

Punto di riferimento da cui partire per la scoperta delle vie dello shopping è la svettante Carfax tower, all’incrocio tra High street e Cornmarket street.

Cornmarket streetSe vi trovate qui all’ora di pranzo, non potete perdere i panini del Ferdando’s cafè, sotto la Carfax tower.

Se invece sono i libri la vostra passione, non dimenticate di fare un salto da Blackwells bookshop in Broad street, con una scelta di 160 mila libri, oppure da Waterstone’s, al corner tra la Broad e Cornmarket street.

bookshopAll’ultimo piano di questo bookshop vi è una tranquilla caffetteria dove sorseggiare un ottimo milk-shake osservando dall’alto il caos cittadino. 

Infine, se vi resta ancora tempo e vi è venuta voglia di un buon fish and chips, consiglio di prendere George street e di fermarvi in uno dei tanti pub per concludere la vostra serata. 

oxford da scoprire

Ci sono molti luoghi e tesori che non ho menzionato di questa città, ma Oxford va scoperta un po’ alla volta, passeggiando alla mattina presto nel centro storico, quando non è ancora affollata di studenti, camminando nel parco di qualche college e ammirando, intorno a te, campanili, guglie e splendidi fiori. 

Guest

Una passione in comune: viaggiare per scoprire..
Guest

Latest posts by Guest (see all)

Facebooktwitterpinterest
Guest

Guest

Una passione in comune: viaggiare per scoprire..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *