La mia esperienza al Campo di Auschwitz-Birkenau con gli occhi di oggi

Facebooktwitterpinterest

La mia visita alla città di Cracovia è stata solo la base per la vera meta del mio viaggio in Polonia: il campo di concentramento di Auschwitz e Birkenau.

Tranquilli non starò ad illustrarvi come sono composti logisticamente i vari campi ma spero di trasmettervi con le immagini quello che quei posti hanno trasmesso a me.

La storia “legata ai film”

Nella zona periferica di Cracovia è ancora presente una porzione della famosa fabbrica di Schindler, quell’imprenditore tedesco diventato famoso con il film “La lista di Schindler” che con la scusa della fabbrica di pentole ha potuto salvare migliaia di donne, bambini e persone meno adatte al “lavoro” del campo di concentramento.

persone che provenivano da tutta Europa

La fabbrica in parte è stata ricostruita e trasformata in museo con foto, video dell’epoca, documenti e lo scrittoio con la macchina da scrivere che appena lo vedi, lì i mezzo alla stanza semi deserta, ti fa risuonare nella mente il ticchettio dei tasti come una cantilena che non si ferma per scrivere più nomi possibili.

l'ufficio di Schindler

la fabbrica di Schindler

pentolame della fabbrica di Schindler

Come lo vediamo oggi

Per visitare il campo di Auschwitz e Birkenau mi sono rivolta direttamente al sito polacco dedicato, preciso ed esauriente, poi da Cracovia  in una mattina soleggiata in circa mezz’ora eravamo lì, nella campagna polacca.

I prati attorno erano verdi, il cielo azzurro, ma oltrepassato il cancello i protagonisti erano loro: gli edifici, i blocchi numerati, il loro grigio invadeva tutto attorno e tutto sembrava in bianco e nero.

il lavoro rende liberi

blocco 14, solo un numero

il camino ad Auschwitz, l'unico non abbattuto dai nazisti

silenzio e fiori

prospettive

Mi ricordo quando ero alla scuola media quando per la prima volta avevo letto i libri di Primo Levi e di Elie Wiesel, quelle testimonianze così reali che parlavano della vita quotidiana alla sopravvivenza, ma non avevo idea dei numeri delle persone coinvolte, della vastità dei luoghi, finchè non l’ho visto con i miei occhi…

shoes

nomi e valigie

occhiali

In punta di piedi

Chi visita questi luoghi lo fa in silenzio, osserva, si immagina li in quelle stanze anguste, su quei letti a castello costruiti inclinati apposta per non consentire il riposo nemmeno notturno.

all'interno dei dormitoi

stanzetta dormitoio di Auschwitz

Chi arriva al Campo di Birkenau e vede quella rotaia che sembra perdersi nell’orizzonte immagina che passato quell’arco non ci saranno più prati verdi o cieli azzurri, ma solo un sottile filo spinato che ti separa per sempre dall’umanità.

i dormitoi in legno all'entrata di Birkenau

qui finiscono i binari

dietro un filo spinato

Meditate che questo è stato:
vi comando queste parole.
Scolpitele nel vostro cuore. 
..astridlife

Federica S.

Adoro il viaggio come scoperta di sé nelle mille sfaccettature che questo pianeta ci offre..

Viaggiare è un grande dono per noi stessi e per chi ci accompagna perché ogni confine perduto può essere un orizzonte conquistato!
Federica S.
..astridlife

Latest posts by Federica S. (see all)

Facebooktwitterpinterest
Federica S.

Federica S.

Adoro il viaggio come scoperta di sé nelle mille sfaccettature che questo pianeta ci offre.. Viaggiare è un grande dono per noi stessi e per chi ci accompagna perché ogni confine perduto può essere un orizzonte conquistato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *